Logo Università degli Studi di Milano



 
 

Biblioteca della Sezione di Storia del diritto medievale e moderno  

Il patrimonio della sezione è di 46.550 volumi, 210 periodici, di cui 46 in corso
Referente
dott.ssa Elisabetta Bassan (reference, prestito, assistenza in ricerche bibliografiche)
Telefono
02-50312668

Ha sede presso la Sezione di Storia del diritto medievale e moderno, una biblioteca di diritto comune ricca di oltre 10.500 opere a stampa dei secoli XV-XVIII, tuttora in via di implementazione, che include la biblioteca del Senato di Milano dell'età spagnola che nel 1925 viene affidata alle cure della neonata istituzione universitaria milanese, e altri significativi fondi minori, indispensabili per la ricerca storica, non solo giuridica ma economica, sociale e politica, quali: il Fondo Margarita, lascito del prof. Ferruccio Bolchini, 9 Dicembre 1930, 500 volumi con, in aggiunta, una splendida raccolta di Allegazioni, il Fondo Crocetti, donato nel 1926 e costituito per lo più da testi di dottrina di diritto comune civile e canonico, i lasciti degli avvocati Samuele Segre e Luigi Majno entrambi risalenti al 1925, le biblioteche dei giuristi lombardi Alessandro Crociolani e Alberto De Simoni e la donazione, nel 1943, da parte della Società Montecatini. Tali fondi includono sezioni di fonti a stampa soprattutto medievali in edizioni moderne, di fonti giuridiche (legislazione, dottrina e giurisprudenza) italiane e europee dell'Ottocento, di storiografia giuridica ivi compresa la biblioteca già appartenuta a Enrico Besta, primo titolare della cattedra negli anni dal 1924 al 1950. Ultima acquisizione, nel 1997, il Fondo degli Avvocati di Milano, grazie alla generosa donazione da parte dell’Ordine degli Avvocati di Milano della sua antica Biblioteca, la cui porzione più ingente proviene da un legato dell’Avvocato di Romana Rota, Felice De Dominicis.

Complessivamente, la biblioteca della Sezione conta 46.550 volumi e oltre 12.000 estratti. La Sezione possiede inoltre una raccolta di microfilm di manoscritti giuridici medievali e moderni, iniziata nel 1964 e tuttora in via di accrescimento, che non ha eguale in Europa. Essa comprende circa 3.000 microfilm di manoscritti di diritto romano e di diritto canonico medievale, provenienti dalle biblioteche di tutta Europa e d'America; circa 3.300 microfilm di statuti, ordini, decreti cittadini e corporativi lombardi e italiani; una raccolta in microfilm dei lavori preparatori dei codici moderni d'Italia e di Francia; un complesso di oltre 1600 microfilm di opere a stampa di diritto comune e di diritto moderno, integrative dei volumi a stampa posseduti dalla Sezione .

La Sezione ha realizzato inoltre un repertorio bibliografico di storia del diritto in Italia (V-XX secolo) frutto dello spoglio (per autori e per soggetti) di circa 110.200 articoli di storia e diritto pubblicati in riviste e raccolte di scritti. Campi di ricerca coltivati sono, in particolare, i seguenti: il diritto comune classico (XII-XVI secolo), la giurisprudenza consulente e la legislazione statutaria lombarda, la storia delle moderne codificazioni con particolare riguardo alla Lombardia. Negli ultimi anni si è riservata una costante attenzione alla storia della giustizia nelle diverse epoche.

Torna ad inizio pagina