Logo Università degli Studi di Milano



 
 

Biblioteca del Dipartimento  

La Biblioteca del Dipartimento di Diritto Privato e Storia del diritto ha una dotazione libraria di circa 103.435 volumi e 965 periodici così suddivisi: 46.550 volumi, 210 periodici, di cui 46 in corso (Storia del diritto); 13.600 volumi, 51 periodici, di cui 21 in corso (Diritto romano); 18.600 volumi, 250 periodici, di cui 93 in corso (Diritto civile); 13.885 volumi, 160 periodici, di cui 81 in corso (Diritto commerciale); 10.800 volumi, 294 periodici, di cui 59 in corso (Diritto del lavoro).

Tutti i dati relativi al patrimonio librario  sono reperibili nel catalogo in linea (OPAC), consultabile dalle postazioni pubbliche a disposizione nella sala lettura (Sala Senato), nella sala schedario, nella sala di consultazione di diritto del lavoro, oltre che da quelle di Ateneo e private.

Il patrimonio bibliografico della Biblioteca è contraddistinto dalla segnatura 67., D.R., 4G, 7G, 8G.

La Biblioteca dispone di sale lettura: la “Sala Senato”, che dispone di 42 posti a sedere  di cui 15 riservati agli studenti laureandi con precedenza sugli eventuali altri utenti, la Sala  lettura della Sezione di Diritto del lavoro che offre 20 posti a sedere di cui 15 sono riservati agli studenti laureandi con precedenza sugli eventuali altri utenti.

È sempre attivo un servizio di assistenza alla consultazione cataloghi, nonché, su appuntamento, un servizio di consultazione delle banche dati in rete.

I servizi sono forniti con continuità e regolarità. Eventuali cambiamenti o interruzioni nell'erogazione dei servizi o modifiche degli orari saranno ampiamente preannunciati, in modo da ridurre il disagio degli utenti, con cartelli nelle bacheche e con avvisi sul sito internet del Dipartimento.

 

REGOLE DI ACCESSO ALLA BIBLIOTECA

Alla Biblioteca possono accedere tutti coloro che intendono consultare materiale bibliografico attenendosi al regolamento.

 

I SERVIZI DELLA BIBLIOTECA

La Biblioteca del Dipartimento di Diritto Privato e Storia del Diritto è articolata in cinque sezioni e divisa in due sedi.

Torna ad inizio pagina