Logo Università degli Studi di Milano



 
 

Fashion law  

Obiettivi formativi

La moda riveste da sempre un ruolo di primo piano nel bilancio italiano, risultando la terza voce del PIL anche nell’attuale momento di crisi finanziaria. Tuttavia, non esistono corsi universitari post-lauream che affrontino in modo sistematico le varie problematiche giuridiche che la filiera della moda presenta.

L’obiettivo del corso è quindi quello di offrire una formazione sulle varie problematiche che la moda presenta lungo tutta la sua filiera agli operatori giuridici che siano attivi all’interno delle imprese di moda (legali d’azienda) o che lavorino a stretto contatto con tali aziende (avvocati e consulenti).

Settori occupazionali di riferimento

La funzione del corso qui proposto si può riassumere nella soddisfazione dei bisogni di formazione professionale specialistica in un settore che costituisce e continuerà a costituire nel prossimo futuro uno dei terreni di maggior impiego di risorse umane di alta qualificazione.

Gli sbocchi occupazionali sono molteplici e riguardano tutti i vari aspetti della filiera della moda, dalla creazione dei filati, al disegno del capo, al confezionamento, alla distribuzione e alla vendita dei capi finiti.

In particolare gli sbocchi professionali potranno riguardare:

- gli studi legali, soprattutto quelli di grandi dimensioni e che svolgono attività di consulenza per grandi imprese;

- gli uffici legali delle grandi imprese di moda che – per la loro attività- abbisognino di esperti nel settore legale;

- nelle associazioni di categoria, che per l’attività svolta dalle imprese associate debbano servire come punto di riferimento per la consulenza in tale settore (si pensi a Sistema Moda Italia e alla Camera Nazionale della Moda Italiana)

- nelle imprese che si occupino a vario titolo di comunicazione in questo settore

- nelle Istituzioni che si occupino di lottare contro la contraffazione di beni di lusso

Link correlati  

Torna ad inizio pagina